martedì 26 maggio 2009

Bad Babysitter




Sarà il momento "storico", sarà che una "bad babysitter" è la cosa che mi servirebbe di meno ora, sarà che Mr. Eon che fa il morigerato è un'assurdità troppo grande per non apprezzarne l'ironia, sarà il beat (mi pare di Mighty Mi, non vorrei sbagliare), ma Bad Babysitter è una bomba. A distanza di anni mi chiedo come Princess Superstar sia riuscita a dire certe cose e passarla liscia...

21 commenti:

Anonimo ha detto...

piu' che una bomba mi sembra una cagata immensa...
djmp45

Antonio ha detto...

De gustibus...
A me la musica pop come questa piace. Lo sapevi che nell'album ci sono anche produzioni di Prince Paul?

Marty aka Marty Mcfly ha detto...

E pure Prince Paul tiene famiglia...

Antonio ha detto...

Oh, per voi c'e' sempre lo sterminato mondo del jazz, dai.

Anonimo ha detto...

Lo sapevi che nell'album ci sono anche produzioni di Prince Paul?
no...pero' non mi cambia l'idea sul pezzo del video...alla fine anche premier ha fatto una base a cristina aguillera, non vuol dire che me l'ascolto...

il jazz non lo tirerei neanche in ballo, ma se metti questa a confronto di una mc lyte del primo album o di una roxanne shante, perde 100 a 1 (paragonando cose dello stesso genere)
djmp45

Antonio ha detto...

Ma dai... si vede che Princess Superstar si vuole divertire e basta.
E' un progetto affine a certe cose di Prince Paul (tipo Handsome Boy Modelling School), divertente, leggero e fatto bene. Pop, in una parola. Poi, se non ti piace, amen.
in ogni caso, il mondo non è finito nel 1988 (e un po' mi dispiace), quindi mi gusto anche cose un po' piu' moderne. Posso?

P.S.: di basi a Christina Aguilera Premier ne ha fatte un sacco, e se le senti, sono fatte proprio bene.

joppa ha detto...

ma perchè sta tipa si puo' "divertire e basta" e invece lil wayne no?

tra questa e lil wayne, il secondo tutta la vita.

sto pezzo è ributtante dai.

ma nn lo dico per romperti le scatole eh, solo non capisco veramente il criterio con cui ti accanisci contro certe cose e poi invece questa è una bomba.

Antonio ha detto...

ma perchè sta tipa si puo' "divertire e basta" e invece lil wayne no?

tra questa e lil wayne, il secondo tutta la vita.

sto pezzo è ributtante dai.
1) Questa tipa non si fa di codeina e poi va in studio e dice cose a cazzo. Ha fatto un disco pop ben pensato e ben eseguito. Disco che tu non hai sentito, o sbaglio?

2) Se preferisci Lil' Wayne, contento tu, nessuno te lo impedisce.

3) De gustibus.

Non mi accanisco contro nessuno, soprattutto ora. In ogni caso, prima di esprimere delle opinioni, mi documento (ascoltando ciò che fa Lil Wayne, per esempio) dopo di che apro la bocca.

Il criterio per cui questo pezzo e' una bomba, senza intellettualizzare troppo, è che Princess Superstar, in questo pezzo, incanala la voglia di divertirsi di un certo rap bianco (quello con la R maiuscola, dai Beasties in giù), inserendo delle dosi di punk che si fondono benissimo. Ha personalità, rappa discretamente (raccontando una storia), la base è ben prodotta etc. etc.
Non ti piace? Liberissimo.
Ma per quale motivo io devo sempre giustificare i miei criteri e tu no?
Non ti piace? Sul blog c'è spazio per opinioni diverse dalle mie.
Ma non venirmi a convincere che il pezzo è ributtante quando
a) Princess Superstar manco sai chi è,
2) il punk nemmeno.

Ho risposto? :-)

joppa ha detto...

No, non ho sentito il disco e non mi sono documentato sulla tipa. Ma non per questo non posso sentire un pezzo e giudicare se mi piace o no. Mica devo farci una recensione. Mi bastano le orecchie.

Ma neanche tu, che nel post fai una specie di recensione, sei obbligato a giustificare, ci mancherebbe. Te l'ho chiesto per curiosità tutto qua.

Il discorso del punk mi sta bene, e infatti quel genere io non lo posso sopportare (cosi' come il 90% del rap bianco), tutto torna allora.

"Questa tipa non si fa di codeina e poi va in studio e dice cose a cazzo"
: battuta ingenerosa sull'ultimo disco di Wayne, stai tranquillo che con quel budget niente è lasciato al caso, non è che vai in studio strafatto a dire cose a cazzo. Non funziona cosi'. C'è parecchio lavoro (da parte di parecchia gente: produttori, ingegneri, A&R...) anche dietro quell'album. Ma il lavoro speso per realizzarlo ovviamente non sempre corrisponde alla qualità finale.

Antonio ha detto...

Ma neanche tu, che nel post fai una specie di recensione
No, niente recensione. Dico solo che risentendolo, il pezzo mi ha preso (sarà che sono padre e che ora come ora è meglio non avere una "bad babysitter"). Ma come pezzo pop senza pretese, nulla di che.

Per quanto riguarda la battuta... non era una battuta. Nel senso che io penso veramente che Weezy sia un drogato che va in studio strafatto.
La mia tesi è supportata dal fatto che si fa dare il sizzurp anche negli studi di MTV (era scoppiato uno scandalo) e che dice di non scrivere. Lo dice anche in A Milli, pensa un po'.

"I'm a Millionaire,
I'm a Young Money Millionaire, tougher than Nigerian hair,
My criteria compared to your career just isn't fair,
I'm a venereal disease like a menstrual bleed...
Threw the pencil and leak the sheet of the tablet in my mind,
Cause I don't write shit cause I ain't got time,
Cause my seconds, minutes, hours go to the almighty dollar"

Anzi, se qualcuno mi può spiegare che vuol dire questo delirio...
Da quando i capelli nigeriani sono sinonimo di duro?

Ma neanche tu, che nel post fai una specie di recensione, sei obbligato a giustificare, ci mancherebbe. Te l'ho chiesto per curiosità tutto qua.
No, lo so, lo so. E infatti ti ho risposto.
Solo che ho notato che sul vostro blog/sito presentate le cose in maniera abbastanza assolutista (almeno quanto la mia), mentre a me viene spesso chiesto di giustificare i miei gusti (cosa che a volte trovo stancante). Ma non ero stizzito nè niente, solo precisavo. Tutto qui.

Marty aka Marty Mcfly ha detto...

La storia dei capelli nigeriani me la son chiesta anche io e ho trovato questo:

http://www.urbandictionary.com/define.php?term=nigerian%20hair

Comunque Wayne non è ne il primo ne l'ultimo artista tossico, non ci vedo il problema.

Certo, altri hanno incanalato lo sballo in maniera più creativa!

Antonio ha detto...

La storia dei capelli nigeriani me la son chiesta anche io e ho trovato questo:

http://www.urbandictionary.com/define.php?term=nigerian%20hair

Comunque Wayne non è ne il primo ne l'ultimo artista tossico, non ci vedo il problema.

Certo, altri hanno incanalato lo sballo in maniera più creativa!

Infatti quella di urbandictionary è una gran presa per il culo...
Per il discorso di Wayne, concordo con te. Quello che un po' mi fa incavolare è che l'incoerenza, nel suo caso, passa per genio, solo questo.

Magic Johnson ha detto...

"ma perchè sta tipa si puo' "divertire e basta" e invece lil wayne no?"

ma e' ovvio: perche' Lil Wayne ha venduto 5 milioni di dischi solo con l'ultimo album dunque e' ovvio che HA UCCISO L'HIP HOP VERO YO!
invece ste troiate off beat per undicenni bianchi borghesi sono tutto sommato rispettabili dai: c'era Prince Paul yo!!!! Old School reprazent!!!!!

Antonio ha detto...

Meno male che è arrivato il custode della negritudine...

Ma posti per provocare o sei proprio così?

Magic Johnson ha detto...

Io sono peace and love, quasi hippie. (Marti o Joppa possono testimoniare) , ma me le tiri fuori giuro...

Dai su non facciamo i buonisti, anche tu puoi scrivere che dico troiate, mica mi offendo. Se non trovassi il blog comunque in un certo senso interessante non sarei neanche qua.

Magic Johnson ha detto...

per la precisione, se non l'hai capito, cio che mi fa imbestialire e' che non riesco proprio a capire i tuoi gusti, il criterio con cui valuti le cose. Per dire, reiser a volte da dei voti che mi fanno accaponare la pelle, ma capisco benissimo i suoi gusti e il suo metro.

Antonio ha detto...

Io sono peace and love, quasi hippie. (Marti o Joppa possono testimoniare) , ma me le tiri fuori giuro...
Vabbè, ma sarò libero di scrivere quello che voglio sul mio blog?
Che vuol dire te le tiro fuori? Che devi fare un post come il tuo primo, che in generale non è nè un modo di aprire un dialogo, nè di rasserenare gli animi, anzi?
Per la precisione (e per l'ultima volta): i miei gusti derivano evidentemente da cose che non conosci o no capisci. In estrema sintesi, mi piace l'hip hop canonico ancorato ai dettami del 1987 (anche cose che sembrano sperimentali ma partono da basi canoniche, vedi la roba Def Jux).
L'autotune non mi piace, per dire.
Chi fa dischi con i produttori del momento (senza avere troppa identità musicale) in genere non mi piace.
Ripeto: ma dovrò sempre giustificare i miei gusti?

Magic Johnson ha detto...

ai miei occhi dire che sto pezzo e' una bomba e' provocatorio... dire che il punk si fonda benissimo con il rap pure...

Antonio ha detto...

ai miei occhi dire che sto pezzo e' una bomba e' provocatorio...
Aspetta, se ho capito bene io sul mio blog non posso scrivere che un pezzo di 10 anni fa (di un album con fior di collaborazioni, fra l'altro) mi piace ancora tanto perche' è un'opinione provocatoria?

dire che il punk si fonda benissimo con il rap pure...
A parte che non ho detto che il punk si fonde bene col rap, ma che QUESTO PEZZO fonde bene le influenze hip hop e l'attitudine punk. In ogni caso, il rap e il punk hanno condiviso un bel pezzo di strada insieme, e ti faccio un po' di nomi giusto per non restare sul vago. Mai sentito parlare di Beastie Boys, Rick Rubin, Glen Friedman, Nick Sansano o, in Italia, di Neffa, il Generale, Assalti Frontali etc.?
Potrà non piacerti, ma rap e punk sono spesso andati a braccetto come quella famosa foto dei Run DMC con Joey Ramone... e questa non e' una provocazione. E' un fatto, mi spiace.

Magic Johnson ha detto...

Ma puoi scrivere quello che ti pare, dai basta con sto vittimismo.
Ti facevo solo notare, visto che mi definisci provocatorio, che il concetto e' relativo.

Riguardo a punk e rap a me sembra che i (pochissimi) esperimenti riusciti (ad esempio i beastie boys) siano piu' tra hard rock e rap se mai, non mi sembra punk, per niente.

In ogni caso, ripeto, a me questi miscugli fanno cagare, walk this way e' una cantilena insopportabile e pure i pezzi dei beastie boys sebbene avessero il loro perche' non me li riascolto mai, ma proprio mai.

Antonio ha detto...

Ma puoi scrivere quello che ti pare, dai basta con sto vittimismo.
Bontà tua.

Noi due proprio non ci capiamo, vero?
Ho parlato di attitudine punk e attitudine hip hop, non dei mistoni con le chitarre (che in generale non piacciono neanche a me).
E, ripeto, il contributo dato dal punk all'hip hop e' assolutamente innegabile, come testimoniano i nomi fatti. Cosa non strana, per altro, visto che i due generi dovrebbero basarsi sull'urgenza espressiva e sui codici del DIY.
In ogni caso, per quanto riguarda i Beastie Boys, erano proprio un gruppo punk tout court, prima di ri-inventarsi (benissimo) come gruppo rap.